Tempio Pausania, Occupazione Ospedale: “Video Diario” della 31^ giornata. Marcello Doneddu, tra storia e decadimento della sanità a Tempio.

Condividi:

Tempio Pausania, 18 nov. 2018-

Marcello Doneddu

Illuminante, documentata e bellissima 31^ giornata, trascorsa nella sua parte iniziale e centrale nella massima serenità con il solito afflusso al tavolo delle firme e le doverose informazioni rilasciate ai tanti presenti che chiedono ogni giorno notizie sull’andamento della rivendicazione e se e quando qualcosa si muoverà.

Il focus sulle origini della sanità in Gallura, sia storica che attuale, non poteva che essere posto da Marcello Doneddu, docente delle scuole superiori della città e al tempo della amministrazione precedente anche presidente della commissione sanità della giunta Frediani. L’assemblea con tanti presidianti accorsi, è stata interessante e ben descritta, con alcuni cenni della storia del primo ospedale in Gallura che sorse a Tempio nella seconda decade del secolo scorso (Ospedale vecchio) sino al nuovo ospedale, il Paolo Dettori in funzione dal 1961.

Le considerazioni e le riflessioni di Doneddu, sempre precise e  condivise da tutti i presenti, hanno dato modo di  ricevere informazioni preziose e necessarie per avere tutti una maggiore visione della problematica sanitaria del Dettori e della situazione attuale, quella che ha visto l’attuale ridimensionamento e impoverimento dell’offerta sanitaria nel territorio.

A margine, una nota di ringraziamento a Giuseppina che ha fornito la gustosissima cena a tutti i presidianti. 

Nulla più va aggiunto al video racconto integrale della 31^ giornata dalla quale si è usciti tutti più consapevoli e ancor più decisi a continuare la lotta per riavere un ruolo che a Tempio spetta, non solo per ragioni storiche e di centralità della sa posizione geografica, ma soprattutto perché il Paolo Dettori era un’eccellenza della sanità sarda e non può essere svenduto per tecnicismi ragioneristici e ciniche e insensibili motivazioni di spesa. Abali Basta!

Antonio Masoni

Condividi:

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *